Video 1:1/ODES/Intraview/Index

Simona Caramia: Giulia Giannola
Lost Days di Attilio Novellino. Testo critico di Maurizio Inchingoli
Pictures /Preview: Fiorella Fiore intervista Donato Faruolo
Suspended Light,
di CIRIACA+ERRE

Sabato 10 Ottobre, 2015, ore 18:30
Visitabile fino al 30 Novembre

Cecilia, Centro per la Creatività di Tito (Pz)
c/da Santa Venere
Tito (Pz)

Il Cecilia, Centro per la Creatività di Tito (PZ), continua nella sua indagine sulle nuove tendenze dell'arte contemporanea mettendo in dialogo operatori culturali ed artisti. Il 10 ottobre, in occasione della Giornata Nazionale del Contemporaneo promossa da Amaci, sarà possibile assistere al video Lipstick Cycle di Giulia Giannola per lo spazio 1:1, l'area dedicata alla video-arte dove periodicamente un operatore culturale è invitato a selezionare un lavoro che descrive il proprio universo artistico in un rapporto di identificazione 1:1.

Simona Caramia
, curatrice e critica d'arte, ha selezionato un lavoro di Giulia Giannola che sceglie di parlare di bellezza al femminile, facendo riferimento non alla Donna quale ideale di perfezione o sintesi di sensualità, ma alle donne e alla loro dimensione quotidiana: sedute intorno ad una tavola rotonda, dieci donne mettono a nudo la propria intimità, trasformando in azione sociale il momento individuale del maquillage.

Nella sezione Odes (Orizzonte Degli Eventi Sonori) dedicata alle nuove sonorità contemporanee, sarà possibile ascoltare Lost Days del sound-artist Attilio Novellino (tra i più attivi del panorama nazionale), una composizione in cui filtrando elettronicamente note prolungate di chitarra e tastiera si arriva a creare un paesaggio sonoro dalle forti componenti emozionali. Lost Days è accompagnato da un testo critico di Maurizio Inchingoli, redattore di TheNewNoise.it e collaboratore di Blow Up.

Sarà inoltre avviata una nuova sezione Intraview, un'intervista visiva per approfondire l'universo e la ricerca di artisti e curatori in dialogo tra loro. Il primo appuntamento si apre con Pictures /Preview , intervista di Fiorella Fiore curatrice e storica dell'arte a Donato Faruolo che presenta tre progetti inediti, ancora in fieri, in cui fotografia analogica e digitale, originale e copia, l’artista e il graphic designer si contaminano; tre nuovi lavori caratterizzati dal medesimo fine, quello di imbastire discorsi e proporre riflessioni sulla scrittura storica, sulla coscienza collettiva, sull’immagine come dispositivo.

Contestualmente s'inaugurerà Suspended Light, installazione site specific di CIRIACA+ERRE per area Index, lo spazio dedicato agli artisti contemporanei lucani a cura della fondazione SoutHeritage ideato e coordinato da Lucia Ghidoni.