ULTRAREALISMO

personale di Héctor Javier Di Lavello Occhiuzzi

a cura di Amnesiac Arts ,
testo critico di Massimo Lovisco

17 Febbraio – 18 Marzo
Inaugurazione sabato 17 Febbraio ore 19.30

Orario d’apertura:
Sabato – Domenica 18.30 – 21
O su appuntamento chiamando al 389 8185034


Amnesiac Arts Home Gallery,
& White Cube Basilicata
Corso XVIII Agosto, 36 Potenza


Héctor Javier Di Lavello Occhiuzzi, protagonista dell’ultima edizione del Potenza International Film Festival ha fondato il movimento Ultrarealista che si propone di umanizzare il cinema tramite un realismo dai forti valori umani.

Amnesiac Arts dedicherà al giovane cineasta uruguaiano una personale proiettando il Re del vento primo film Ultrarealista (prodotto da Noeltan film), e presentando una ricca selezione di fotografie (nel White Cube Basilicata) e di racconti .

La macchina e l’uomo. Una dicotomia apparentemente in continuo conflitto ma elemento essenziale del nostro essere. Almeno da quando Ned Ludd per primo sentì l’esigenza di scagliarsi contro uno strumento tecnologico. Era il 1779. Da allora l’uomo ha preso consapevolezza che la macchina è non solo un elemento ormai irrinunciabile del proprio habitat esistenziale, ma è parte integrante del nostro stesso universo cognitivo. A volte questo concetto di base passa quasi inosservato. In arte si parla del rapporto uomo-macchina solo quando questo è evidente per lo più superficialmente, in installazioni futuristiche, giochi di luci, creature mutanti, dove in realtà la tecnologia è ingabbiata in una forma ludica, apparentemente inoffensiva, ma sovrasta l’uomo.
E’ affascinante invece andare ad indagare quei casi in cui la macchina è talmente silenziosa da non apparire evidente, ma si fa elemento tecnologico perfettamente integrato nella psiche di chi lo utilizza riuscendo in un impresa isperata da Nedd Ludd: umanizzare la macchina.
Hector utilizza gli strumenti di registrazione dell’immagine (sia essa in movimento, sia essa fissa) come una perfetta estensione della propria percezione del mondo. Registra con naturalezza e riesce a mostrarci non quello che ha visto, un reportage come potremo fare tutti, ma esattamente quello che ha provato di fronte ad una determinata situazione, la sua atmosfera emotiva. Per lui la macchina da presa o la fotocamera sono direttamente collegate al cuore, al proprio universo affettivo sensoriale. Un giro in motocicletta, non è la rappresentazione visiva di viaggio su due ruote, ma la presentazione di quella precisa sensazione del momento. E’ come se Hector riuscisse a trasmettere allo spettatore un sua propria realtà interiore, come un ricordo personale, sfuocato, senza tempo, in cui entrano tutti gli stati emotivi legati ad una particolare esperienza. Con la macchina da presa sembra trasformare il mondo tutto in un’opera d’arte, proprio perché non cerca di descrivere il soggetto, ma cattura e registra la sensazione da esso suscitata. Da qui partirei per spiegare L’Ultrarealismo, movimento cinematografico, ma direi dell’immagine, che si propone di andare oltre la realtà, mostrare la vita stessa come un’opera poetica completa, recuperando quel territorio dell’estetico a metà strada tra pratico ed artistico teorizzato da Mukarovsky e riuscendo silenziosamente nell'impresa tanto attesa di di fare emergere l’uomo in tutta la sua straordinaria essenza grazie all’utilizzo di una macchina.

Il cinema Ultrarealista è figlio del neorealismo italiano. Nasce in Uruguay, la nazione a forma di cuore, in un’epoca di crisi economica, sociale, culturale, morale, politica.
L’Ultrarealismo vuole redimere il cinema, mostrare la vita e gli uomini come sono, senza filtri.
Cerca di raccontare le storie e viverle come nella vita stessa.
L’Ultrarealismo accetta la realtà della vita quotidiana, ma cerca di dimostrare che esiste una realtà più grande. Niente è per caso.
Il vero inventore dell’Ultrarealismo è Dio.
Il Re del vento è il primo film ultrarealista della storia.
L’Ultrarealismo accetta la morte come parte della vita; essa è in costante divenire. Si nasce, si cresce, si muore. Ma mai in senso assoluto. Come il sole che nasce, cresce e muore…
Lo stile e il contenuto sono strettamente correlati; se lo stile è povero il contenuto parla di poveri. L’Ultrarealismo mostra la realtà in tutti gli aspetti anche tecnicamente.
L’Ultrarealismo sente il tempo con il cuore; per questo il tempo non esiste.
L’Ultrarealismo guarda alla storia di ogni uomo; vuole entrare profondamente nel cuore di ogni persona, e nel cuore dello spettatore.
L’Ultrarealismo è una realtà interiore.

 

in collaborazione con